Editoriale settembre 2007

Città sicure, città accoglienti

Non può passare inosservata l’iniziativa del Comune di Firenze contro i questuanti molestatori, simboleggiati dai “lavavetri”, se non altro per il dibattito che ha acceso sul tema delle città sicure. 
La stampa ha amplificato la campagna, mettendo nell’unico contenitore dell’immigrazione clandestina fatti gravi di cronaca, mercato della droga, prostituzione e dando fiato all’istanza “tolleranza zero”. 
Anche le voci contrarie si sono fatte sentire: “siamo tutti lavavetri”, sostenendo che la vera sicurezza si raggiunge con l’integrazione e con la convivenza. Certo nel rispetto delle regole e dei diritti. Ma questo vale per tutti. E’ un problema di leggi, di politiche, ma anche di cultura e quindi di atteggiamenti. Non basta quindi schierarsi da una parte o dall’altra o sbandierare slogan propagandistici, che si prestano a facili strumentalizzazione. Occorre piuttosto capire la nuova società, cogliere i nuovi bisogni e trovare nuove e adeguate risposte. 

Share This Post

About Author: Istisss

L'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali ISTISSS svolge fin dal 1960, su base associativa multiprofessionale, attività di studio, ricerca, intervento, sperimentazione di servizi e diffusione dei risultati, formazione ed aggiornamento, documentazione, convegnistica nei campi sociale e sanitario, di tempo libero e del turismo sociale. Attività finalizzate alla realizzazione di un quadro compiuto di solidarietà sociale.