Newsletter UNAR N.10

L'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – è stato istituito con il D. Lgs. n. 215/2003 in attuazione della direttiva comunitaria n. 43 del 2000, con funzioni di controllo e garanzia della parità di trattamento e dell'operatività degli strumenti di tutela, avente il compito di svolgere, in modo autonomo e imparziale, attività di promozione della parità e di rimozione di qualsiasi forma di discriminazione fondata sulla razza o sull'origine etnica.

Se vuoi essere eliminato da questa lista d'invio rispondi a questa e-mail chiedendo di essere rimosso

Inforom #10

TERREMOTO

Le nuove scosse di terremoto hanno devastato il territorio del mantovano, se possibile, più di quelle del mese scorso. Nonostante il clima drammatico per tutti, ma soprattutto per Rom e Sinti, che si respira in questi difficili giorni, l’Associazione Sucar Drom ha creato una unità di crisi, sia per il mantovano che per il modenese, raccogliendo aiuti (piccole roulotte, tende, coperte e altro). A Mirandola inoltre, in provincia di Reggio Emilia, è stato segnalato il comportamento delle autorità che avrebbero negato assistenza alle famiglie sinte residenti. Per gli aiuti si può chiamare 3332252101 oppure 3333715538 
http://www.sucardrom.ru

LINGUE REGIONALI

E’ stato approvato il 23 maggio dalla Commissione esteri della Camera, nonostante il voto contrario della Lega ed il parere avverso del ministero dell’Interno, un emendamento a firma di Matteo Mecacci dei Radicali e di Jean Leonard Touadi del Pd, per il riconoscimento delle lingue rom e sinte. Con l’emendamento, approvato in sede di ratifica della Carta europea delle lingue regionali, anche agli idiomi rom, fino ad ora esclusi dal novero delle minoranze riconosciute, vengono applicate le misure previste dalla Carta europea.
http://sintiitaliani.blogspot.com

UMBERTO SPADA, ROM

E’ venuto a mancare in questi giorni Umberto Spada, rom di Frosinone, giornalista sportivo, noto attivista dell'associazionismo rom e uno dei fondatori della Fondazione romanì Italia. E’ stato un attivo protagonista della lotta alla discriminazione del mondo rom. Viveva la dimensione problematica del suo mondo senza nascondersi, ma mantenendo un forte legame con le proprie origini.
http://www.dimmidipiu.com

LE SBARRE PIU' ALTE

Si è tenuto il 30 maggio nell’aula prima della facoltà di Lettere della Sapienza di Roma un incontro dal titolo “Le sbarre più alte” nel quale l’Associazione Medu (Medici per i diritti umani) ha presentato un rapporto sul CIE (centro di identificazione ed espulsione) di Ponte Galeria a Roma. Per Medu, il CIE di Ponte Galeria si dimostra una struttura inefficace per i suoi scopi, costosa e congenitamente incapace di garantire il rispetto della dignità e dei diritti fondamentali della persona. Il diritto alla salute per i trattenuti appare ancora meno garantito che in passato. Le stesse considerazioni possono essere estese al sistema dei CIE in generale, come indicano in maniera sufficientemente oggettiva, sistematica e coerente, le indagini più significative realizzate da attori indipendenti ed istituzionali nel corso degli anni, e come sostanzialmente confermano i primi dati del 2011 sul rendimento dei CIE a livello nazionale e le visite recentemente effettuate da MEDU in altre strutture (Bologna e Torino). 
info@mediciperidirittiumani.org

I PICCOLI POVERI CRESCONO

Il Garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, Vincenzo Spadafora, ha inviato una nota all’Unicef nella quale segnala come “la povertà minorile è di grave attualità e i dati statistici ufficiali evidenziano che anche nel nostro paese il fenomeno è in crescita e ciò desta ancora più preoccupazione per le conseguenze sociali che potrebbero derivarne in futuro, per i bambini e gli adolescenti: è stato, infatti, dimostrato che le persone in minore età che vivono oggi in famiglie povere hanno maggiori probabilità di diventare anch’essi poveri”. Spadafora sottolinea, inoltre, che nelle regioni dove è più alto il tasso di povertà “è maggiore anche il tasso di abbandono scolastico da parte dei minorenni” segno che i due fenomeni “sono strettamente connessi”.
http://www.unicef.it

87 ASSOCIAZIONI

La Federazione Rom e Sinti Insieme, un’organizzazione che raccoglie circa 27 associazioni di rom e sinti del centro nord e la Federazione Romanì, hanno presentato una sorta di “mappa”, un albo “ufficiale” non esiste, dell’associazionismo rom in Italia contando all’incirca 87 associazioni rom e sinte. I temi affrontati dalle associazioni sono quelli del razzismo, della cultura, del lavoro e dell’abitare, ma negli anni hanno cercato, come nel caso della Federazione Rom e Sinti Insieme, di dare il proprio contributo anche alle istituzioni, stimolando alcune proposte di legge.
http://comitatoromsinti.blogspot.com

LO SCANDALO DELLA BARBUTA

Una lettera aperta sottoscritta da European Roma Rights Centre, con sede a Budapest e Associazione 21 luglio, informa che il Comune di Roma vuole portare a termine i lavori per la costruzione del «villaggio attrezzato» per le comunità rom e sinte situato nella località La Barbuta. La struttura, lontana dal contesto urbano, recintata, video sorvegliata e destinata ad accogliere circa 650 persone rom, è il primo "campo nomadi" di tale grandezza costruito ex novo a Roma negli ultimi 7 anni. «Spetterà al Comune di Roma – si legge nella lettera – dimostrare ai cittadini romani che i 10 milioni di euro già spesi per la costruzione del nuovo «villaggio attrezzato», più quelli che dovrà erogare a tempo indeterminato per adempiere ai compiti di gestione e vigilanza (circa 3 milioni di euro l'anno), sono da considerarsi un investimento proporzionale ad accogliere i 650 rom in una condizione di esclusione sociale e segregazione piuttosto che disporre altre soluzioni più economiche e valide per cittadini italiani e stranieri, rom e non rom».
http://www.21luglio.com
http://www.errc.org

LA COMMISSIONE EUROPEA: E' ORA DI PARTIRE CON LE STRATEGIE NAZIONALI

Il 23 maggio 2012 la Commissione europea ha reso pubblica la relazione in cui si invitano gli Stati membri dell'Unione ad attuare le loro strategie nazionali per migliorare l'integrazione economica e sociale dei 10-12 milioni di Rom in Europa. I piani degli Stati membri sono stati elaborati in risposta al Quadro dell'UE per le strategie nazionali di integrazione dei Rom, adottato dalla Commissione il 5 aprile 2011 e approvato poco dopo dai leader dell'UE. Nella relazione la Commissione afferma che gli Stati membri si sono effettivamente adoperati per affrontare in modo globale l'integrazione dei Rom, ma che occorre fare molto di più per assicurare finanziamenti sufficienti a favore dell'inclusione dei Rom, per stabilire meccanismi di controllo e per combattere la discriminazione e la segregazione.
http://ec.europa.eu/justice/newsroom/discrimination/news/120523_en.htm

LA CONDIZIONE DEI ROM IN 11 PAESI: INDAGINE DEL FRA

Il 23 maggio sono state rese note due indagini sulle condizioni di vita e sulle esperienze di discriminazione dei Rom e dei non-Rom abitanti in undici Stati membri dell’UE, condotte dall’Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali (FRA), dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), dalla Banca Mondiale e dalla Commissione Europea. Per la prima volta si è condotta un’ indagine quantitativa su vasta scala riguardo alle popolazioni Rom in Francia, Italia e Portogallo. Oltre a questi paesi, l’esercizio ha riguardato Bulgaria, Repubblica ceca, Grecia, Spagna, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia, paesi in cui vive un numero considerevole di Rom. Dai risultati emerge l’esistenza di modelli di esclusione simili e su vasta scala nei diversi Stati membri dell’UE. È necessario intervenire immediatamente e in maniera efficace per migliorare la situazione, ma risultati sostenibili si otterranno soltanto se le comunità locali di Rom e di non-Rom saranno coinvolte negli sforzi per creare un clima di fiducia, rafforzare la coesione sociale e combattere i pregiudizi e le discriminazioni.
http://fra.europa.eu/fraWebsite/news_and_events/infocus12_2305_en.htm

APPUNTAMENTI

IUS SOLI IN CORTEO  

Il 31 maggio a Roma si è tenuta la manifestazione indetta da una gran quantità di associazioni antirazziste e dei diritti umani per lo “Ius soli”, il diritto delle seconde generazioni al riconoscimento della cittadinanza nel paese in cui nascono. “Chi nasce qui è di qui” è lo slogan che promuove la campagna di raccolta di firme sotto l’appello che reca, tra le tante, le firme di Rita Levi Montalcini, Romano Prodi, Roberto Saviano, Carlo Verdone, Andrea Camilleri.
http://www.migrare.eu
 
CONFERENZA NELLE MARCHE  

Il 10 giugno a Grottammare, nelle Marche, si terrà la V Conferenza regionale sull’immigrazione che vedrà come protagonisti gli immigrati del territorio. In particolare, al termine del dibattito, verrà celebrato il rito del giuramento di coloro che prenderanno la cittadinanza italiana. 
http://www.regione.marche.it
 
VACANZE IN MUSICA  

Napoli e Romania, si incontrano. La musica partenopea e quella rom si incontrano in uno splendido debutto: un ensemble ed un disco che fondono musiche tradizionali campane e delle comunità “gitane”. Venerdì 8 giugno verrà presentata in anteprima nazionale “Vacanze Romanes” alla Fnac di Napoli: un appuntamento patrocinato dall'Assessorato alle politiche sociali di Napoli. 
http://www.informazione.it
 
OVADIA A RAGUSA  

Moni Ovadia porta in scena il 14 giugno a Modica la prima siciliana di “Senza confini”: ebrei e zingari, spettacolo costruito sulle vicende di due popoli che, come lui stesso spiega, «per secoli hanno condiviso lo stesso destino». L'appuntamento rientra nell'ambito della rassegna "Modica miete culture". Tutto incentrato sulle storie parallele di due popoli in movimento “Senza confini” affronta le vicende di rom ed ebrei tra musica, canto e teatro, con massicce dosi del classico umorismo ebraico. Un concerto-spettacolo che fonde i ritmi e le melodie zingare e klezmer con le storie e i canti di rom, sinti ed ebrei.
http://www.italpress.com
 
MILANO EU INCLUSIVE  

La presentazione dell'indagine sulla condizione di Rom e Sinti in Italia: quattro gruppi di lavoro per approfondirne i temi con esperti e operatori sociali. La voce delle associazioni rom e sinte, una riflessione sulle buone pratiche d'inclusione e un confronto con gli amministratori locali. Saranno questi i momenti centrali del convegno “Rom e Sinti, un'indagine nazionale” organizzato dalla Casa della carità per l'11 e il 12 giugno al Teatro dell'Arte della Triennale di Milano. L'evento, sostenuto dall'Unar e patrocinato dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano, dall'Università degli studi di Milano e da quella di Milano Bicocca, è il momento conclusivo del progetto transazionale “EU Inclusive” realizzato dalla fondazione in partnership con Fundación Segretariado Gitano, Open Society Institute Sofia e Soros Foundation Romania. Al centro della due giorni di lavori, ci sarà la presentazione della prima indagine di tipo quantitativo sulle condizioni di vita di Rom e Sinti in Italia. I temi del lavoro, dell'inclusione sociale, della discriminazione e delle migrazioni sono stati toccati grazie a 1668 interviste realizzate in 60 insediamenti di dieci diverse regioni
http://www.unar.it 

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL BAMBINO A GIUGLIANO  

Alle 11 di giovedì primo giugno nel piazzale alle spalle del centro commerciale Auchan di Giugliano si terrà un evento pubblico per rivendicare i diritti negati dei bambini rom e in particolare di quelli della comunità rom di Giugliano. Ricordano gli organizzatori che i bambini senza documenti di identità diventano presto vittime delle leggi che li discriminano nell’accesso ai servizi garantiti. Come dichiara il portavoce del Comitato Campano coi Rom, a Giugliano il 60% della popolazione rom è sotto i 18 anni; su 300 minori solo il 10% va a scuola, il 90% sono analfabeti. Le condizioni abitative e sanitarie sono inaccettabili per la nostra società, senza acqua, elettricità e servizi igienici,. A un anno dallo sgombero dalla zona industriale sono morti 4 neonati ed un giovane quindicenne è stato ucciso. Durante l’incontro, raccolta di firme dei giovani rom indirizzate al Presidente Napolitano affinché spinga il Governo e il Parlamento a prendere decisioni puntuali per cambiare questa drammatica situazione. 
forumcampaniaroma@gmail.com


 

  L'ISTISSS ha avuto l'incarico dall'UNAR- Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e Punto di Contatto Nazionale per le strategie di inclusione dei Rom – di realizzare per due anni in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con uno sguardo anche al resto del Paese e all’Europa, un servizio denominato "Strumenti di Informazione, Sensibilizzazione e Formazione per operatori pubblici" (PON "Governance ed Azioni di Sistema", FSE 2007-2013, Obiettivo Convergenza, Asse D "Pari opportunità e non discriminazione", Obiettivo Specifico 4.2 – Azione 6).

 La Rivista di servizio sociale
www.rivistadiserviziosociale.it/

Share This Post

About Author: Istisss

L'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali ISTISSS svolge fin dal 1960, su base associativa multiprofessionale, attività di studio, ricerca, intervento, sperimentazione di servizi e diffusione dei risultati, formazione ed aggiornamento, documentazione, convegnistica nei campi sociale e sanitario, di tempo libero e del turismo sociale. Attività finalizzate alla realizzazione di un quadro compiuto di solidarietà sociale.