Newsletter UNAR N. 27

 

L'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – è stato istituito con il D. Lgs. n. 215/2003 in attuazione della direttiva comunitaria n. 43 del 2000, con funzioni di controllo e garanzia della parità di trattamento e dell'operatività degli strumenti di tutela, avente il compito di svolgere, in modo autonomo e imparziale, attività di promozione della parità e di rimozione di qualsiasi forma di discriminazione fondata sulla razza o sull'origine etnica.
Se vuoi essere eliminato da questa lista d'invio rispondi a questa e-mail chiedendo di essere rimosso 

Inforom #27

SCUOLE IN MARCIA

Sono 415 le scuole italiane nelle quali la presenza degli alunni stranieri raggiunge o supera il 50% e se si considerano le sole scuole dell’infanzia otto bambini stranieri su dieci sono nati in Italia. Lo evidenzia il rapporto Alunni con cittadinanza non italiana. Approfondimenti e analisi 2011/2012 elaborato dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur) e dalla Fondazione Ismu. Nell’anno scolastico 2011/2012, gli alunni stranieri nati in Italia sono 334.284 e rappresentano il 44,2% sul totale degli alunni con cittadinanza non italiana. Cinque anni fa erano meno di 200mila, il 34,7%. In diminuzione del 3,9% rispetto al 2010/2011, sono divenuti un po’ meno di 12mila i bambini rom e sinti nel sistema scolastico italiano durante il 2011/2012, con 1942 alunni nelle scuole di infanzia, 6416 nelle scuole primarie, 3407 nelle scuole secondarie di I grado e solo 134 in quelle di secondo grado. Il calo nell’ultimo anno nelle scuole secondarie superiori di II grado superiore è stato del 15% di iscritti. 

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/ac861a31-5970-46f8-ba7b-03bcf4cbb57a/notiziario_stranieri_11_12.pdf 

LE LINEE DI MILANO

La Giunta di Milano ha approvato il 15 marzo la convenzione con la Prefettura di Milano per la gestione del progetto rom, sinti e caminanti 2012-2014, elaborato sulle linee guida. Le risorse economiche che saranno assegnate dal Ministero dell’interno, attraverso la Prefettura, al Comune di Milano sono vincolate all’attuazione della convenzione e ammontano a 5.691.000 euro. I fondi verranno impiegati in tre ambiti di intervento. Il primo, per circa 2,2 milioni di euro, riguarda l’allontanamento dai campi irregolari, la messa in sicurezza delle aree anche in accordo con i privati, la gestione della prima accoglienza nei centri di emergenza sociale. Il secondo è destinato all’accompagnamento sociale ed è attuato esclusivamente tramite enti del terzo settore per circa 2,1 milioni; il terzo riguarda interventi di gestione dei campi esistenti, i controlli della polizia locale e la realizzazione di un campo di sosta temporanea (circa 1,3 milioni). Nella stessa delibera è stato definito anche l’annuale finanziamento del Comune di Milano per la gestione sociale relativa alla popolazione rom che ammonta a 300 mila euro. Negli ultimi tre anni della precedente Amministrazione erano stati stanziati in media circa 550 mila euro. 

http://www.comune.milano.it/

DALL'EMILIA UNA PROPOSTA LOCALE DI INCLUSIONE

Il 21 marzo, l’UNAR, regioni, enti locali e associazioni rom si sono incontrate a Bologna per parlare di strategie regionali e locali di inclusione di rom e sinti, in occasione del Convegno organizzato dalla Regione Emilia Romagna e dal suo Difensore Civico dal titolo “Rom e sinti: discriminazioni, diritti e inclusione”, con la partecipazione, tra gli altri, dell’Assessore alle politiche sociali della Regione Marzocchi e del Comune di Bologna Frascaroli, oltre al Difensore civico della Regione Daniele Lugli, al Dirigente della Regione Toscana Giovanni Lattarulo e all’UNAR. I due modelli di governo della Strategia, promossi dalla Toscana e dall’Emilia Romagna, sono stati oggetto di discussione con le comunità sinte e rom, mentre il Piano locale avviato dal Comune di Bologna potrebbe rappresentare un modello utile per le altre città che stanno cimentandosi nella stesura di Piani urbani di inclusione rom.

PALERMO COSTRUISCE

Presto la“bidonville” che si estende a ridosso del Parco della Favorita, a Palermo, dove da anni ha trovato posto il campo nomadi, potrebbe scomparire. L'amministrazione comunale avrebbe stabilito di affidare alla comunità rom gli immobili abbandonati di proprietà del Comune a patto che loro stessi li rimettano a posto. Il progetto coinvolge circa 140 persone che in questo modo potrebbero trovare lavoro e casa. L'esperimento, già collaudato in altre città del centro Italia con ottimi risultati, potrebbe essere effettivamente avviato dopo il confronto definitivo previsto a giorni. 

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/palermo/notizie/cronaca/2013/19-marzo-2013/immobili-abbandonati-comune-li-affida-rom-212251677063.shtml

DA DIAMANTE NASCONO I FIORI

Nasce a Diamante una associazione composta da italiani e appartenenti a famiglie italiane di origine rom e nasce proprio a Diamante divenuta simbolo della piena integrazione di cinquanta famiglie rom che sin dagli anni 60 si fermarono nella cittadina della Calabria provenienti dal cassanese e dalla Basilicata ed ora pienamente integrate nel tessuto sociale del paese. Non a caso a Diamante esistono attività commerciali gestite da famiglie di provenienza rom. L’associazione è composta sia da diamantesi che da diamantesi rom ed è aperta a tutti territori della Calabria dove ancora esistano famiglie di origine rom e ha lo scopo di mettere in atto progetti di reinserimento sociale per le fasce più deboli, risolvere questioni abitative, rivalutare vecchi lavori gestiti dai rom quali la raccolta del ferro , l’arte della lavorazione dello zinco, spettacoli viaggianti, arte,musica,assistenza ai disabili, alle ragazze madri, raggiungere la piena scolarizzazione, ma anche gestire fiere artigiane e gastronomiche. 

http://sucardrom.blogspot.it/2013/03/diamante-rc-nasce-lassociazione-sulla.html

LE SCUSE DI NATIONAL GEOGRAPHIC

Il National Geographic rettifica e l’Associazione 21 luglio accoglie positivamente le scuse delle Edizioni White Star per quanto riguarda la guida turistica National Geographic Traveller Roma sulla quale si può leggere: «Al pari di molte metropoli Roma ha la sua parte di borsaioli e scippatori molto abili. Pullulano inoltre gli zingari, alcuni dei quali, bambini inclusi, sopravvivono grazie a furtarelli spesso messi in atto ai danni degli stranieri e dei turisti». L’editore ha annunciato che dalla prossima ristampa la frase verrà rimossa e sostituita con lessico scevro da pregiudizi e stereotipi penalizzanti per le comunità rom. 

http://www.21luglio.org/index.php/notizie/198-national-geographic-comunica-lavvenuta-rettifica-del-testo-a-seguito-della-segnalazione-dellosservatorio

UNA GIORNATA MONDIALE

In occasione della giornata mondiale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali, il 21 marzo scorso, sono state molte le città dove si sono svolti incontri, convegni e dibattiti sul tema. Per quanto riguarda rom, sinti e camminanti, segnaliamo l’iniziativa di Napoli che, all’interno della campagna 'Dosta (Basta)! 2012', iniziativa di sensibilizzazione per combattere i pregiudizi e gli stereotipi, patrocinata dal Consiglio d'Europa e coordinata e finanziata dall'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) del Dipartimento per le Pari opportunità, ha indetto un’intera settimana di manifestazioni. L’UNAR ha organizzato la IX edizione della “Settimana di azione contro il razzismo”, con lo slogan “Se chiudi col razzismo, ti si apre un mondo”. Molto fitto il calendario di iniziative e incontri, previsti dal 17 al 24 marzo su tutto il territorio nazionale. Inoltre, in occasione della Settimana l’UNAR ha lanciato il gioco interattivo “Nei miei panni”, in cui l’obiettivo è vivere in Italia nei panni di un cittadino straniero: un modo per sperimentare, anche se solo virtualmente, le difficoltà quotidiane delle tante persone presenti in Italia, ma troppo spesso mantenuti ai margini.

Per maggiori informazioni: 
http://www.facebook.com/#!/norazzismi 
http://www.unar.it

PISA, ACCUSE INFONDATE

Il tribunale di Pisa ha respinto le accuse per le quali erano stati arrestati, nel 2010, sette rom nel processo cosiddetto “della sposa bambina” . I sette erano accusati di aver portato in Italia una minorenne kosovara e di averla costretta a sposarsi riducendola in schiavitù e compiendo abusi sessuali. La sentenza ha stabilito che i reati non sussistevano tranne quello di immigrazione clandestina, per il quale la difesa ricorrerà in appello. Un elemento inquietante è stato segnalato, nel corso del processo, e riguarda lo sfratto da un immobile comunale imposto ad una donna, madre di cinque figli, perché coinvolta nella vicenda processuale. 

http://africainsieme.wordpress.com/

SALUTE ALLA CONSULTA

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 40 depositata il 15 marzo 2013, ha ribadito il giudizio di illegittimità costituzionale dell’art. 80 c. 19 della legge n. 388/2000 nella parte in cui subordina per i cittadini stranieri di Paesi terzi non membri dell’Unione europea l’accesso a prestazioni di assistenza sociale che costituiscono diritti soggettivi ai sensi della legislazione vigente, tra cui le prestazioni connesse alla disabilità, al requisito del possesso della carta di soggiorno o permesso di soggiorno CE per lungo soggiornanti. La sentenza in pratica ribadisce il consolidato orientamento della Corte che l’INPS continua ad ignorare. 

http://www.asgi.it/public/parser_download/save/corte_cost_sent_40_2013.pdf

APPUNTAMENTI

BORSE DI STUDIO  
 

Il 7 aprile la Fondazione romanì Italia (FRI) darà inizio all’attività formativa prevista da “TRE ERRE–Fuochi atti”, un percorso verso la cittadinanza attiva romanì di 15 giovani rom. Un percorso di 16 mesi per formare attivisti culturali e politici rom; un percorso che attraverso borse di studio per ciascun corsista è finalizzato a costruire fiamme generative di processi di attivazione e di formazione interculturale verso la cittadinanza attiva e nuova imprenditorialità rom. A ciascun corsista sarà corrisposto complessivamente in 16 mesi una borsa di studio. 

http://www.fondazioneromani.it/it/azione-di-sistema-tre-erre-3r 
  
L'INTEGRAZIONE DEI ROMENI IN ITALIA  
 

Il 22 marzo si svolgerà a Roma, organizzato dall’UNAR in collaborazione con l’ambasciata della Romania, il convegno “L’integrazione dei romeni in Italia fra famiglia e lavoro”. Appuntamento alla Sala del Monte dei Paschi di Siena in via Minghetti, 30 a partire dalle 17.

 

http://www.istisss.it/

  L'ISTISSS ha avuto l'incarico dall'UNAR- Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e Punto di Contatto Nazionale per le strategie di inclusione dei Rom – di realizzare per due anni in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con uno sguardo anche al resto del Paese e all’Europa, un servizio denominato "Strumenti di Informazione, Sensibilizzazione e Formazione per operatori pubblici" (PON "Governance ed Azioni di Sistema", FSE 2007-2013, Obiettivo Convergenza, Asse D "Pari opportunità e non discriminazione", Obiettivo Specifico 4.2 – Azione 6).

 
http://www.democraziakmzero.org
 La Rivista di servizio sociale 
http://www.rivistadiserviziosociale.it/

Share This Post

About Author: Istisss

L'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali ISTISSS svolge fin dal 1960, su base associativa multiprofessionale, attività di studio, ricerca, intervento, sperimentazione di servizi e diffusione dei risultati, formazione ed aggiornamento, documentazione, convegnistica nei campi sociale e sanitario, di tempo libero e del turismo sociale. Attività finalizzate alla realizzazione di un quadro compiuto di solidarietà sociale.