Newsletter UNAR N. 28

 

L'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – è stato istituito con il D. Lgs. n. 215/2003 in attuazione della direttiva comunitaria n. 43 del 2000, con funzioni di controllo e garanzia della parità di trattamento e dell'operatività degli strumenti di tutela, avente il compito di svolgere, in modo autonomo e imparziale, attività di promozione della parità e di rimozione di qualsiasi forma di discriminazione fondata sulla razza o sull'origine etnica.
Se vuoi essere eliminato da questa lista d'invio rispondi a questa e-mail chiedendo di essere rimosso 

Inforom #28

GIORNATA INTERNAZIONALE

L' 8 aprile del 1971 si tenne a Londra il primo congresso internazionale del popolo rom con la costituzione della prima associazione mondiale dei rom, l'Unione Romanì, che fu poi riconosciuta dalle Nazioni Unite nel 1979. Nella stessa occasione, si concordò una comune bandiera: blu (come il cielo) e verde (come la terra, che le comunità romanés hanno percorso in lungo e in largo), con una ruota rossa al centro (che simboleggia il lungo viaggio); i 16 raggi della ruota sottolineano il forte legame con la bandiera dell'India (studi hanno stabilito che i Rom provengono dall'India settentrionale). Da quella data l'8 aprile di ogni anno ricorre la Giornata Internazionale dei Rom. E lunedì 8 alle 10 del mattino otto giovani rom, accompagnati da rappresentanti dell’Associazione 21 luglio, hanno incontrato la presidente della Camera, Laura Boldrini. 

http://www.associazione21luglio.org 

MIGRANTES

“Troppe volte ancora, anche nel nostro Paese, i figli dei rom, anziché essere riconosciuti e tutelati sono esposti ad adozioni arbitrarie, strappati alle loro famiglie. Troppe volte gli sgomberi non tutelano il diritto alla casa e alla scuola dei minori. Troppe volte le famiglie e i bambini rom non hanno pari opportunità. I Rom e i Sinti, 12 milioni in Europa e 170.000 in Italia, sono un popolo della vita che insegna alla nostra cultura e società la centralità della persona e la precedenza delle persone alle cose. Sono ‘i poveri’ – tra quelli ricordati da Papa Francesco nel suo magistero di queste prime settimane di pontificato – che oggi invitano ‘i grandi’ a non perdere i valori fondamentali su cui costruire il futuro delle nostre famiglie e città”. E’ questo un brano della lunga lettera che monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione migranrìtes, ha scritto in occasione della giornata mondiale dei rom. Il testo integrale su 

http://www.zenit.org/it/articles/rom-popolo-della-vita

LA GIORNATA A MILANO E NAPOLI

Domenica 7 e lunedì 8 aprile Milano ha festeggiato la Giornata internazionale del popolo rom riconosciuta dall’ONU nel 1979 con il patrocinio del Comune di Milano e in collaborazione con l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (UNAR) con molte iniziative e una grande festa. Il 7 è stata presentata la prima edizione italiana del libro di Roger Repplinger “Buttati giù, zingaro”, la storia di Johann “Rukeli” Trollmann il campione sinto degli anni Trenta che pagò con la vita in un lager l’orgoglio con cui ridicolizzò l’ideologia razzista del Terzo Reich. L’8, presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli si è svolto l’incontro inaugurativo della Giornata internazionale del popolo rom con la partecipazione degli studenti del liceo artistico Boccioni con la partecipazione di Marco De Giorgi direttore generale dell’Unar, gli assessori Marco Granelli e Pierfrancesco Majorino e con Carlo Feltrinelli, Corrado Mandreoli, Giorgio Bezzecchi e Dijana Pavlovic. Molto ricco anche il panorama di iniziative a Napoli, promosse in collaborazione con Unar. Dal 9 all’11 aprile, infatti, l’Università Federico II ospita “La sfida dell’integrazione Rom” promosso dalla Ue, dal governo rumeno, dal Fondo sociale europeo, dal forum Campania rom e da Unar. Si tratta di un incontro internazionale di grande respiro cui prenderanno parte rappresentanti istituzionali europei, molte comunità rom e soprattutto studenti rumeni e italiani. Infine, il 12 si svolgerà il Rom Social Forum, incontro tra le associazioni italiane ed europee rom.

PROGETTO FERRARA

Alcuni giorni fa nella sala degli Arazzi della residenza municipale di Ferrara si è svolta la visita di studio nell'ambito del progetto europeo di cooperazione territoriale Sud Est Europa “Pairs: effectives programmes for the active integration/inclusion for Roma”, incentrato sulle nuove strategie di integrazione dei Rom, Sinti e Camminanti. Rappresentanti politici e del terzo settore provenienti da Ungheria, Serbia, Romania, Bulgaria e Albania protagonisti nella definizione delle strategie di integrazione dei "Roma" nei paesi del sud est europeo si sono incontrati per elaborare uno studio sulle pratiche territoriali. L'integrazione dei Rom sia in ambito UE che al di là dei suoi confini è diventato una sorta di “cartina di tornasole” per una società più “umana”. L'integrazione dei Rom è oggi tra le questioni politiche, sociali e umane più urgenti del diritto europeo. 

http://ricerca.gelocal.it/lanuovaferrara/archivio/lanuovaferrara/2013/04/03/NZ_12_03.html

MANTOVA PROTESTA

Dopo aver incontrato il sindaco di Mantova, il Consiglio direttivo dell'associazione Sucar Drom ha revocato la manifestazione prevista per il 10 aprile indetta per protestare contro le azioni di sgombero particolarmente “energiche” avvenute lo scorso 26 marzo al Trincerone, periferia della città dove risiedono comunità sinte. Surcar drom informa che sarà organizzata per venerdì 12 aprile un'assemblea pubblica a cui si chiederà al sindaco di Mantova, a tutte le forze politiche e a tutta la società civile di partecipare, in cui verranno spiegate le problematiche abitative vissute dalle famiglie mantovane, appartenenti alla minoranza linguistica sinta. Non contento, il sindaco Giuseppe Amadori e, dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla carovana stabilitasi nella zona industriale Paesa, ha fatto installare dei new jersey che di fatto impediranno alle roulotte di sostare. 

http://sucardrom.blogspot.it

EMERGENZA IN CASSAZIONE

Ripartito il 27 marzo 2013 l’iter della Corte di Cassazione che deciderà se convalidare la sentenza del Consiglio di Stato che annullava l’emergenza sui rom decretata dal governo Berlusconi. La decisione riguarda la legittimità della sentenza del Consiglio di Stato del 4 novembre 2011, che ha dichiarato lo stato di emergenza infondato, immotivato e illegale. Tuttavia, il governo italiano, il 15 febbraio 2012, ha presentato ricorso contro la decisione dinanzi alla Corte di Cassazione. La Cassazione ha sessanta giorni per decidere, quindi la sentenza dovrebbe arrivare entro e non oltre il 27 maggio. 

http://www.redattoresociale.it

AMNESTY ALL'EUROPA

“L’Unione europea non sta facendo abbastanza per porre fine alla discriminazione dei rom negli stati membri”. Amnesty International lancia una pesante accusa agli stati membri dell’Ue, diffondendo il documento “Diritti umani qui, diritti dei rom adesso”. Secondo il rapporto, i circa sei milioni di rom presenti nei paesi dell’Unione Europea si trovano “al di sotto di quasi tutti gli indici di sviluppo sui diritti umani: otto su dieci sono a rischio povertà e solo uno su sette ha terminato le scuole di secondo grado”. Oltre al documento, Amnesty International ha presentato un appello, indirizzandolo a Viviane Reding, Commissaria europea per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza, in cui si chiede all’Ue di assumere “un’azione determinante e giocare un ruolo di primo piano per porre fine alla discriminazione dei rom in Europa”. 

http://appelli.amnesty.it/diritti-dei-rom-adesso/

NOMADI PER FORZA

Negli ultimi dieci anni, circa 5mila rom hanno lasciato il Sud Italia per andare in altri Paesi europei. Hanno abbandonato campi spesso fatiscenti e isolati, in alcuni casi anche casa, per andare a vivere in Francia, Germania, Olanda e Belgio dove hanno trovato sussidi e un welfare più accogliente. È quanto sostiene Massimo Converso, presidente nazionale dell’Opera nomadi. Secondo Converso sono i rom kosovari e macedoni ad aver deciso di lasciare le regioni del Meridione, soprattutto Sicilia, Calabria, ma anche Puglia e Campania. Chi resta, oggi vive per lo più in appartamenti, come la gran parte dei rom kosovari presenti nel nord Italia, mentre i loro campi si sono svuotati negli anni nel silenzio e lontano dai clamori. “Non meno del 70 per cento di loro – racconta Converso – oggi si trova in Francia, Germania e Paesi bassi, pochi invece in Inghilterra e nei paesi nordici. 

http://www.operanomadinazionale.it

APPUNTAMENTI

BOLOGNA E LA SCUOLA  
 

Si intitola ciave’/ciaure’baxtalè anda skola il testo sui seminari regionali o provinciali sulla scolarizzazione delle Comunita’ Rom/Sinti a cura del prof. Giulio Soravia, docente all’Università di Bologna e fondatore del Centro studi zingari che sarà oggetto di un incontro a Bologna di analisi e proposta sulla scolarizzazione dei minori rom/sinti in Emilia-Romagna il 12 aprile in viale Aldo Moro, 50 dalle 10 alle 18,30. Per informazioni ed adesioni:

Giovanni Santi – Tel. 340-5915188 – E-mail giovannisanti1@aliceposta.it 
  
CITTADINI CANCELLATI  
 

Il 16 aprile, dalle 15 alle 18,30 nell’aula magna dell’Accademia Alfonsiana in via Merulana, 31 a Roma si terrà un incontro dal titolo “Acquisto della cittadinanza per i figli dei cittadini stranieri nati in Italia”, proposte di modifica della legge 91/1992 e della circolare del ministero dell’interno n. 22 del 7 novembre 2007. 

Per info: alexandraaps@libero.it 
  
EUROPA  
 

La Commissione europea invita gli studenti delle scuole di arte, grafica e comunicazione dei 27 Stati membri dell'Unione europea, più la Croazia, a riflettere sul contributo dei migranti alle società europee. I partecipanti al concorso europeo dovranno realizzare un'opera d'arte che rifletta la loro visione e illustri il ruolo dei migranti nella nostra vita quotidiana. Con questo concorso la Commissione vuole stimolare un dibattito e una riflessione costruttivi sulla condizione dei migranti in Europa e dare ai talenti europei emergenti la possibilità di esprimere il loro punto di vista. Il concorso è aperto a tutti gli studenti di più di 18 anni che frequentano un istituto superiore di arte/grafica/comunicazione in uno dei paesi dell'UE o in Croazia. Le opere correranno in tre categorie: poster, fotografia e video. Ogni scuola potrà concorrere con una o più opere in una o più categorie. Le opere saranno valutate a livello nazionale e quelle giudicate migliori (fino a dieci per paese) verranno inviate a una giuria europea che selezionerà i 30 finalisti e nominerà un vincitore europeo per ciascuna categoria. La giuria sarà composta da professionisti della comunicazione, dell'arte e dei media e da membri delle comunità di migranti. Alla cerimonia di premiazione, che si terrà a Bruxelles saranno invitati gli autori delle 30 opere finaliste. Verrà inoltre aggiudicato un premio speciale in base ai risultati di una votazione pubblica sul sito Internet indicato in appresso. Scadenza, 21 giugno 2013, registrazione delle scuole, entro il 30 aprile. 

http://www.migrantsineurope.eu/it


 

http://www.istisss.it/

  L'ISTISSS ha avuto l'incarico dall'UNAR- Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e Punto di Contatto Nazionale per le strategie di inclusione dei Rom – di realizzare per due anni in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con uno sguardo anche al resto del Paese e all’Europa, un servizio denominato "Strumenti di Informazione, Sensibilizzazione e Formazione per operatori pubblici" (PON "Governance ed Azioni di Sistema", FSE 2007-2013, Obiettivo Convergenza, Asse D "Pari opportunità e non discriminazione", Obiettivo Specifico 4.2 – Azione 6).

 
http://www.democraziakmzero.org
 La Rivista di servizio sociale 
http://www.rivistadiserviziosociale.it/

Share This Post

About Author: Istisss

L'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali ISTISSS svolge fin dal 1960, su base associativa multiprofessionale, attività di studio, ricerca, intervento, sperimentazione di servizi e diffusione dei risultati, formazione ed aggiornamento, documentazione, convegnistica nei campi sociale e sanitario, di tempo libero e del turismo sociale. Attività finalizzate alla realizzazione di un quadro compiuto di solidarietà sociale.