Newsletter UNAR N.9

L'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – è stato istituito con il D. Lgs. n. 215/2003 in attuazione della direttiva comunitaria n. 43 del 2000, con funzioni di controllo e garanzia della parità di trattamento e dell'operatività degli strumenti di tutela, avente il compito di svolgere, in modo autonomo e imparziale, attività di promozione della parità e di rimozione di qualsiasi forma di discriminazione fondata sulla razza o sull'origine etnica.

Se vuoi essere eliminato da questa lista d'invio rispondi a questa e-mail chiedendo di essere rimosso

Inforom #9

CITTADINANZA NEGATA

In un appello, lanciato nelle giornate del Salone del libro di Torino, i Rom nati in Italia chiedono al Presidente della Repubblica un intervento su governo e parlamento ''per porre fine a una palese ingiustizia”. I giovani rom chiedono il riconoscimento della cittadinanza. “Siamo in tanti, ragazze e ragazzi del popolo rom nati in Italia, di seconda, a volte anche di terza generazione, da genitori apolidi o residenti irregolarmente nel nostro Paese – si legge l’appello – Siamo italiani, ci sentiamo ‘parte integrante della nostra società’, ma viviamo quotidianamente il disagio di essere considerati impropriamente stranieri. È una situazione difficile quella che viviamo – concludono – di ‘stranieri in patria’. Che rende precaria la nostra vita e non agevola l’integrazione sociale e l’accesso al lavoro, nonostante molti di noi abbiano frequentato le scuole e, soprattutto, vorrebbero inserirsi regolarmente e legalmente nella comunità civile.
http://www.immigrazioneoggi.it

SI COMINCIA DALLA SCUOLA

Porta la firma congiunta di Pd e Pdl il progetto di legge n. 4446 per l’integrazione scolastica dei giovani rom che, recita il testo ora in prima commissione, si potrà realizzare più facilmente se verrà pienamente riconosciuta l’identità del popolo di appartenenza invece di pretendere l’assimilazione alle tradizioni culturali maggioritarie. La proposta di legge, a integrazione della legge 482/1999 sulla tutela delle minoranze linguistiche storiche, è stata firmata da deputati appartenenti a diversi schieramenti di maggioranza e opposizione, ma non dalla Lega Nord.
http://nuovo.camera.it/126?pdl=4446

IL MINISTRO FORNERO: "USCIRE DALL'EMERGENZA"

Bisogna "uscire dalla logica emergenziale, solo così si può affrontare la questione dei rom in una logica strategica e dare concretezza all'inclusione che si vorrebbe attuare". A dirlo è stato il ministro del welfare, Elsa Fornero, riferendo in commissione Diritti umani sul tavolo intergovernativo sulla condizione di Rom,Sinti e Camminanti in Italia. Che ha posto l’accento sulla necessità di "sottrarre il fenomeno a una trattazione emergenziale, considerare l'opportunità di programmare interventi di integrazione di medio e lungo periodo, non accettando più misure straordinarie”. Le parole del ministro sono state accolte con estremo favore dalle Comunità: il Gruppo EveryOne e Nazione Rom, organizzazioni per i diritti umani, giudicano le parole del ministro “una tappa importante sulla via del recupero della civiltà dei diritti umani in Italia, perché il ministro ha espresso concetti chiari, moderni, in linea con le richieste rivolte al nostro paese dal Commissario per i Diritti umani del Consiglio d’Europa, dal Comitato Europeo per i diritti economici e sociali e dalla Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza”. 
http://www.immigrazioneoggi.it

FONDAZIONE ROMANÌ

È stata annunciata nei giorni scorsi a Roma, nel corso di una conferenza stampa, la nascita di FRI, Fondazione Romanì Italia, che si propone di dar vita e sviluppare molti piccoli progetti concreti per modificare profondamente le condizioni di vita, di studio, di lavoro dei Rom e le discriminazioni. Il presidente, Nazzareno Guarnieri ha parlato di “piccoli fuochi” che per i Rom rappresentano “un elemento naturale ma anche un grande pericolo” che devono trasformarsi in una forma di attivazione perpetua dell’iniziativa capace di dar vita ad atti concreti”. A cominciare, per esempio, dall’obiettivo di seguire una decina di piccoli studenti nel corso dell’intero iter scolastico con l’obiettivo di far loro raggiungere il diploma e anche la laurea”.
http://www.fondazioneromani.it

UN PREMIO DI BIBLIOTECA

Ha vinto il Concorso nazionale di cortometraggi sulle biblioteche promosso da Aib Umbria dal titolo “A corto di libri” per la categoria documentario, il video di Amnesty Italia sulla storia del giovane Marius Sorostinean, un sedicenne romeno che ha vissuto nei campi rom di Milano e ha visto le ruspe per otto volte abbattere le baracche (“tanti sgomberi sono passati su di me”, “tutto ho perso, ho preso solo le scarpe che avevo ai piedi”). Marius, che fino all’adolescenza non sapeva leggere né scrivere, impara a farlo e a conoscere l’italiano nel giro di otto mesi grazie all’impegno di un gruppo di volontari e trova nella biblioteca, nello scorrere dei giorni, “il posto migliore che ho conosciuto”. 
http://www.youtube.com/watch?v=fInbsfF0Y_M

"A PESCARA ATTACCHI RAZZISTI"

La sera del primo maggio l’omicidio, presumibilmente da parte di alcuni Rom, di un ultrà del Pescara, probabilmente per ritorsione. Da allora, per i Rom della zona è stato un susseguirsi di minacce e intimidazioni. Tanto che Amnesty International si dice preoccupata per quelli che definisce “tentativi di attacchi razzisti e lancia un appello per proteggere le comunità rom da intimidazioni e attacchi, a condannare pubblicamente la violenza razzista e l'incitamento alla violenza e all'odio, ad avviare indagini su atti di intimidazione e di violenza di stampo razzista e a garantire che gli autori di tali azioni saranno sottoposti a procedimenti giudiziari». Amnesty sostiene inoltre che alcune donne rom sono state insultate, allontanate dai negozi e dagli ingressi delle scuole dove erano andate a prendere i loro figli. Inoltre, la Fondazione Romanì Italia esorta ai ministri dell’interno, delle politiche sociali e al ministro per l’integrazione perché, contro l’ondata di razzismo e di persecuzione che si è di recente scatenata “mai come in questo momento la società civile e democratica abruzzese ha bisogno della presenza concreta delle istituzioni nazionali per ribadire i valori della nostra Carta costituzionale”.
http://www.amnesty.it
http://www.fondazioneromani.it

LAVORO SPORCO A ROMA

È stato presentato in questi giorni a Roma il Report Lavoro sporco redatto dall’Associazione 21 Luglio. Tra il 2010 e il 2011 il Comune di Roma ha finanziato tre progetti di inclusione socio-lavorativa rivolti a 125 rom: il progetto Retis, costato circa 300.000 euro, che ha visto il coinvolgimento di 18 rom, il progetto Form on the job che è costato 220.000 euro con 30 rom partecipanti e il progetto di pulizia all'interno dei «villaggi attrezzati» che è costato 1.100.000 euro e nel quale sono stati coinvolti una ottantina di rom. A fronte di una spesa totale di 1.600.000 euro, i diversi progetti di inclusione lavorativa hanno visto, al loro termine l'assunzione di soli 16 rom, con un costo pro-capite di circa 100.000 euro.
http://www.21luglio.com

INDAGINE DI UN DISASTRO BEN NOTO

Una recente indagine conoscitiva presentata a Roma da Opera Nomadi insieme con Migrantes e con la Società italiana medicina delle migrazioni conferma, se ancora ce ne fosse la necessità, che Rom, Sinti e Camminanti in Italia sono circa 200mila, solo lo 0,3 per cento della popolazione. Le condizioni in cui vivono e il riconoscimento della loro identità e cultura sono molto problematiche e non esiste alcuna norma che preveda e disciplini l’inclusione e il riconoscimento delle popolazioni Rom nella società civile.
http://www.operanomadinazionale.it

APPUNTAMENTI

ROMA  

Domenica 20 maggio, dalle 9 alle 19, in Piazza S. Giovanni in Laterano, si svolgerà la XXIª edizione della Festa dei Popoli 2012: l'ospitalità, una festa di popoli. L’evento vuole mostrare con evidenza il lungo cammino percorso e l’importanza pastorale ed ecclesiale delle comunità migranti nella Diocesi del Papa, così come il loro significativo radicamento nell’intera città di Roma.
http://www.baobabroma.org
 
MILANO  

A Milano, dal 21 al 27 maggio, Rigenerazioni, il Festival delle seconde generazioni: sei giorni di spettacoli, incontri e manifestazioni sportive nelle scuole e in diversi punti della città. Il festival è il frutto del lavoro svolto in questi mesi dalla Consulta G2 istituita dall’assessore alle Politiche sociali appena si è insediata la giunta Pisapia. L’assessore, Pierfrancesco Majorino, ha sottolineato come “la legge sulla cittadinanza è da rivedere completamente. Ormai abbiamo i primi figli dei figli degli immigrati. Si tratta di nuove generazioni di milanesi, che rischiano di essere considerati stranieri anche se non lo sono”.
http://www.comune.milano.it
 
MILANO  

Il 26 maggio a Milano, alla palazzina Liberty in Largo dei Marinai D’Italia, 1, dalle 15,30 alle 19,30 il Naga Gruppo di medicina di strada, presenta Rom e Gagi: abitare insieme la città. L’incontro vuole proporre uno sguardo più interno sulla cultura e sulla realtà dei popoli Rom e Sinti nella convinzione che sia possibile una reale convivenza con i non Rom. All’incontro partecipano anche esponenti dell’amministrazione comunale, operatori, rappresentanti dei Rom.
http://www.naga.it
 
FOGGIA  

Il 5 giugno a Foggia, alla libreria Ubik, a partire dalle 17, “I soliti ignoti” discussione e presentazione di LIL, il primo Quaderno Unar interamente dedicato all’informazione. Partecipano tra gli altri, rappresentanti del mondo dell’informazione, operatori, esponenti delle Comunità e l’assessore alle politiche sociali del comune di Foggia.
http://www.unar.it
 
ROMA  

Il Centro di ricerca Fo.Cu.S della Università di Roma La Sapienza intende avviare una raccolta di iniziative di enti locali (Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane) che si siano attivati sul tema de 'I migranti come risorsa per la rigenerazione dei centri storici delle città medio-piccole'. Lo scopo è avviare una discussione per focalizzare possibili strategie di intervento. Alla Provincia di Roma, Palazzo Valentini, via IV Novembre 119, il 21 giugno, aula Di Liegro, a partire dalle 9,30, il Centro presenterà gli esiti della ricerca. 
focus@uniroma1.it

DAL MONDO

BUDAPEST  

“Lavorare insieme per l’inserimento dei Rom nella scuola e nella comunità” è il titolo di una conferenza che si terrà a Budapest, in Ungheria, il 25 maggio. Per informazioni
http://www.romabuzzmonitor.net/2012/04/roma-education-conference-corvinus-university-25-may-2012
 
MACEDONIA  

Dal 21 al 25 maggio a Skopje e Ohrid (Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia) si svolgerà il terzo Incontro del Comitato Ad hoc di esperti sui Rom CahRom del Consiglio d’Europa. Tra i temi che verranno affrontati nelle giornate, si promuoverà una analisi comparata a livello europeo delle condizioni abitative dei Rom, soluzioni contro la dispersione scolastica e il ruolo delle autorità locali e della mediazione nelle pratiche di inclusione, unitamente ad una analisi dell’antigitanismo e della ricaduta delle recenti strategie nazionali per fornire risposte a tali problematiche.
 
BELGRADO  

L'agenzia di stampa Mediafax, citando la France Presse, riferisce che almeno 250 famiglie rom sono state rimosse la scorsa settimana da un accampamento alla periferia della capitale serba, Belgrado. Il loro insediamento è stato successivamente distrutto. Da tempo il municipio di Belgrado sta attuando una politica di espulsione di migliaia di persone Rom. La Serbia, un paese di 10 milioni, ha una delle più grandi popolazioni Rom d’Europa. Secondo i dati ufficiali, ci sono 100mila Rom, ma gli esperti ritengono che in realtà si tratta di quasi mezzo milione di persone Rom che vivono nello stato balcanico.
 
UNIONE EUROPEA  

I finanziamenti in favore delle popolazioni rom in Europa, aumentati in modo significativo negli ultimi anni, hanno di pari passo alimentato il sentimento anti-rom. Lo ha detto Zeljko Jovanovic, direttore delle iniziative Rom presso la Open Society Foundations, nel corso dei colloqui sul quadro di bilancio dell'Unione europea 2014-2020. A riprova, ha citato un numero crescente di attacchi violenti contro i Rom in paesi come l'Ungheria, la Repubblica Ceca e la Bulgaria.
http://www.soros.org
 
CROAZIA  

All'inizio della settimana circa 100 persone hanno protestato in Skabrnje, un villaggio vicino alla città costiera di Zadar, in Croazia, contro l'arrivo di due famiglie rom. Le famiglie volevano stabilirsi nel villaggio dopo aver acquistato circa 5.000 metri quadrati (53,820 piedi quadrati) di terreno. 
http://www.iol.co.za/news/world/croatian-fm-ombud-slam-anti-roma-incident-1.1289670 

BERLINO  

Una relazione sul lavoro del Punto di contatto di Berlino per l'Ue sui lavoratori migranti e i Rom dal punto di vista delle Ong è stata presentata da Amaro Drom e Sdost Europa Kultur, le associazioni che gestiscono i servizi per l’integrazione per conto del Senato di Berlino. Il servizio è stato sviluppato con l'obiettivo di costruire ponti tra i circa 20.000 migranti Rom che vivono a Berlino e i servizi sociali e privati mediante consigli, informazioni sui servizi disponibili, la traduzione e la sensibilizzazione tra le istituzioni della città tedesca. 
http://www.eurocities.eu/eurocities/publications/EUROCITIES-report-Contact-point-for-Roma-in-Berlin-WSPO-8TXG7P 

BRUXELLES  

Si svolgerà il 29 maggio a Bruxelles una dibattito nella sede della Heinrich Boell Stiftung nel corso del quale verrà analizzato il recente accordo quadro Ue-Rom e valutate le diverse strategie elaborate dai governi nazionali come risposta alle linee della Strategia di inclusione di Rom, Sinti e Camminanti. 

BUCAREST  

Bucarest ospiterà dal 7 al 10 giugno l’edizione 2012 di Iraf, il più grande meeting di arte e cultura Rom. 
http://www.lastfm.it/festival/1950613+IRAF+-+International+Romani+Art+Festival+V 

NAZIONI UNITE  

La Filiale delle Ong presso le Nazioni Unite, Dipartimento degli affari economici, invita le organizzazioni non governative di tutto il mondo a iscriversi al Consiglio economico e sociale (Ecosoc) che consente lo status consultivo e fornisce l'opportunità di prendere parte a deliberazioni formali delle Nazioni Unite. La possibilità di iscriversi è fino al primo giugno. 
http://esango.un.org/paperless/Web?page=static&content=intro


 

  L'ISTISSS ha avuto l'incarico dall'UNAR- Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e Punto di Contatto Nazionale per le strategie di inclusione dei Rom – di realizzare per due anni in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con uno sguardo anche al resto del Paese e all’Europa, un servizio denominato "Strumenti di Informazione, Sensibilizzazione e Formazione per operatori pubblici" (PON "Governance ed Azioni di Sistema", FSE 2007-2013, Obiettivo Convergenza, Asse D "Pari opportunità e non discriminazione", Obiettivo Specifico 4.2 – Azione 6).

 La Rivista di servizio sociale
www.rivistadiserviziosociale.it/

Share This Post

About Author: Istisss

L'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali ISTISSS svolge fin dal 1960, su base associativa multiprofessionale, attività di studio, ricerca, intervento, sperimentazione di servizi e diffusione dei risultati, formazione ed aggiornamento, documentazione, convegnistica nei campi sociale e sanitario, di tempo libero e del turismo sociale. Attività finalizzate alla realizzazione di un quadro compiuto di solidarietà sociale.