Newsletter UNAR N.7

L'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – è stato istituito con il D. Lgs. n. 215/2003 in attuazione della direttiva comunitaria n. 43 del 2000, con funzioni di controllo e garanzia della parità di trattamento e dell'operatività degli strumenti di tutela, avente il compito di svolgere, in modo autonomo e imparziale, attività di promozione della parità e di rimozione di qualsiasi forma di discriminazione fondata sulla razza o sull'origine etnica.


Inforom #7

RAZZISMO IN COPERTINA

Un bambino Rom di due, tre anni che punta verso l’obiettivo una pistola più grande di lui. Questa l'immagine del fotografo italiano Livio Mancini usata dal settimanale di Zurigo Weltwoche per diffamare la comunità Rom svizzera, denunciare un presunto aumento dei crimini commessi dai rom e paventare l'arrivo di nuovi nuclei familiari dalla Romania. In realtà, se è vero che nelle città svizzere le rapine sono aumentate, è altrettanto vero che nessuna è stata compiuta da bambini Rom. Quanto alla fotografia, il bimbo Rom immortalato da Mancini vive nel ghetto di Giakova, nel Kosovo e mostra un'arma trovata in una discarica: uno dei tanti oggetti che i Rom recuperano tra i rifiuti altamente tossici e poi rivendono in una disperata lotta per la sopravvivenza. Il fotografo l’aveva scattata proprio per documentare le condizioni di povertà della comunità Rom di Dakovica, in Kosovo.
info@everyonegroup.com

IMU AGLI STRANIERI

Una norma passata sotto silenzio e contenuta nelle pieghe del Decreto “Salva Italia” nasconde una stangata, retroattiva, che riguarderebbe oltre 600 mila lavoratori stranieri che vivono e risiedono in Italia e che possiedono un immobile nel Paese di origine. Con il Decreto (art.19), viene introdotta l’imposta ordinaria sul valore degli immobili, a qualsiasi uso destinati, detenuti all’estero dalle persone fisiche residenti in Italia. L’aliquota d’imposta è pari al 7,6 per mille della base imponibile, consistente nel valore degli immobili risultante dall’atto di acquisto. E’ chiaro che l’intento è quello di colpire i grandi patrimoni all’estero, purtroppo, però vengono colpiti anche migliaia di lavoratori stranieri.
http://www.uil.it/immigrazione

L'AUGURIO DI HILLARY CLINTON

In occasione della Giornata Mondiale dei Rom, lo scorso 8 aprile, la Segretaria di stato Usa, Hillary Clinton ha diffuso una nota nella quale solidarizza con “tutto il mondo Rom. Oggi si celebra la storia, la diffusione e la cultura del popolo Rom – ha scritto – Nella musica, l’arte, la scienza e la letteratura, i Rom hanno contribuito in molti modi al consolidamento delle culture. Non c’è dubbio che in molti luoghi e in molte occasioni siano costretti a vivere ai margini e vengono rinchiusi, perseguirati e discriminati. Si nega loro l’accesso all’educazione e al lavoro. E da un decennio in qua, anche a causa della crisi mondiale, la loro condizione è andata peggiorando”.
http://idearom.jimdo.com

LUTTO

E’ morta Giuseppina “Rumanì” Ciarelli, romnì italiana tra le prime a Milano a diventare mediatrice culturale e attivista per i diritti dei rom e dei sinti. Rumanì iniziò il suo impegno come mediatrice a favore delle donne e dei minori rom e sinti nei consultori famigliari, insieme ai colleghi di Sucar Drom alla fine degli Anni Ottanta. Fu una delle prime mediatrici sanitarie italiane.
http://www.sucardrom.com

ROGHI

E’ andato in fiamme l’insediamento rom di via Sacile a Milano. I circa 300 abitanti si erano insediati lì, in condizioni inaccettabili senza acqua né luce, a seguito dei frequenti sgomberi e spostamenti attuati dalla precedente giunta comunale; giunta che in 5 anni effettuò nel capoluogo lombardo circa 450 sgomberi. Le famiglie non sono state divise e al momento hanno ottenuto tutte un ricovero dal Comune.

SGOMBERI A FIRENZE E PISA

Nella notte tra il 13 ed il 14 aprile il Comune di Firenze ha fatto sgomberare nuovamente le famiglie Rom dalla Piazza SS. Annunziata dove, da due anni, avevano trovato riparo a seguito dello sgombero e della distruzione delle proprie abitazioni avvenuto il 16 gennaio 2010 ad opera dell’ordinanza del Sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi. Le uniche soluzioni offerte dai servizi sociali sono state la separazione delle famiglie. Anche a Pisa è stato di recente sgomberato l'ex-convento Frati Bigi perché al suo posto dovrà sorgere un centro residenziale-commerciale. La vicenda è stata anche posta all’attenzione dell’Unar, (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) poiché, denuncia l’Associazione Nazione Rom “sono state violate la direttiva europea sulla non discriminazione 2000/43/Ce e la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea”. L’Associazione chiede “l'immediata apertura di un centro di accoglienza per i 40 cittadini europei di etnia rom privati della loro unica abitazione e l'apertura di un tavolo locale e regionale, nonché le dimissioni del sindaco”.
http://nazionerom.blogspot.it/2012/04/il-sindaco-di-pisa-marco-filippeschi-e.html

UNA BRUTTA STORIA

Un giovane rom nato a Moncalieri, sempre vissuto in Italia recluso nel Cie di via Corelli, a Milano, è stato espulso e spedito in Serbia, dove però non è mai stato prima e non ha familiari. Dejan Lazic, classe 1988, è figlio di genitori serbi, in possesso di un passaporto serbo che certifica la sua nascita in Italia. Dejan è analfabeta e ha firmato un foglio con la dichiarazione di provenienza dalla Serbia che non ha potuto leggere. In Italia Dejan aveva un fratello disposto ad accoglierlo in casa in attesa dell’espulsione, secondo una modalità che la direttiva europea sui rimpatri prevede come preferibile al trattenimento nel Cie.
http://www.redattoresociale.it

LA CASA IN CALABRIA

Opera Nomadi denuncia che a Melito, in Calabria, una famiglia Rom è stata oggetto di vera e propria discriminazione. Il sindaco di Melito Porto Salvo assegnò un alloggio pubblico a una famiglia Rom con una bambina affetta da una malattia congenita grave. Ma il giorno prima che la famiglia prendesse possesso della casa, la proprietà venne illegalmente occupata da una famiglia di Melito per evitare che fossero i Rom a istallarvisi. Grazie all’intervento del sindaco la famiglia che occupava illegalmente venne sfrattata, ma da quel momento partì una protesta del quartiere contro i Rom. Altri episodi analoghi si sono registrati di recente anche a Gioia Tauro e a Reggio Calabria.
http://www.operanomadirc.it

IL LIBRO

“Vicini e Distanti, cronache da via Idro” di Fabrizio Casavola, curatore di “Mahalla”, è una cronistoria lucida ma appassionata della “vita pubblica” di alcune famiglie italiane, appartenenti alla minoranza linguistica non riconosciuta dei rom harvati, che vivono a Milano in via Idro al confine con i comuni di Sesto San Giovanni e Cologno Monzese. Una storia tutta italiana che svela il circolo vizioso della discriminazione istituzionale.
http://www.sivola.net/dblog

GLI INVISIBILI IN SERBIA

Circa 100 rom hanno perso tutto nell'incendio del campo irregolare di via Bonfadini a Milano scoppiato il 4 aprile che ha distrutto circa 40 baracche. L’accoglienza offerta dal Comune è stata rifiutata perché avrebbe comportato la separazione degli uomini dalle donne e dai bambini.
http://www.italintermedia.com

BRASILIA

Per riflettere sulla invisibilità di cui soffre il popolo Rom, l’Università di Brasilia ha programmato una due giorni, il 9 e 10 aprile, dal titolo “Una storia invisibile” al quale hanno preso parte prestigiosi esperti provenienti da tutto il mondo. L’incontro è organizzato dalla Facoltà dell’educazione e dall’Associazione internazionale Maylé Sara Halì. All’evento ha preso anche parte Juan de Dios Ramírez-Heredia, presidente dell’Unione Romaní.
http://www.unb.br

UN PREMIO

Il premio giornalistico «Insieme contro le Discriminazioni!» è stato assegnato in Italia al giornalista Stefano Pasta, 25 anni, per l’articolo «Milano, benvenuti a Sgomberopoli», pubblicato sul sito web di Famiglia Cristiana. Da anni Pasta conosce il mondo rom e sinto in qualità di operatore volontario della Comunità di Sant’Egidio di Milano. Ha collaborato con l’ERRC (European Roma Rights Centre) come osservatore per la Lombardia ed attualmente partecipa al progetto «Giving memory a future», del Centro di Ricerca sulle Relazioni Interculturali dell’Università Cattolica di Milano e dello USC Shoah Foundation Institute, sulla memoria del Porrajmos.
http://ec.europa.eu/italia/attualita/primo_piano/…/premiazione_fdad_it.htm

APPUNTAMENTI

ROMA  

Inizia Migranti, il ciclo di documentari organizzato dalla Casa Internazionale delle Donne di Roma in collaborazione con ZaLab. I documentari di ZaLab raccontano vite ignorate e segnate dai conflitti di oggi, con il desiderio di farne storie per tutte e tutti. Il prossimo appuntamento è previsto per giovedì 19 aprile. Le proiezioni si terranno di giovedì alle ore 18.30 fino al 3 maggio presso la Casa internazionale delle donne (Sala Carla Lonzi – primo piano) in via della Lungara 19.
http://www.casainternazionaledelledonne.org

LA RADIO  

Al via il 24 aprile su quattro emittenti cittadine "Le città invisibili", una trasmissione realizzata dall'Istituzione per l'inclusione sociale don Paolo Serra Zanetti del Comune di Bologna. Famiglie rom, prostituzione, bullismo, precarietà gli argomenti di cui si occuperà la trasmissione radiofonica. La prima puntata è dedicata ai Rom e Sinti e a un progetto del Comune che ha permesso ad alcune famiglie di Villa Salus e Via del Piratino di trovare una casa. Gli operatori del Comune hanno reperito sul mercato privato alcuni appartamenti a canone concordato che oggi ospitano le famiglie.
http://www.comune.bologna.it

TORINO  

Venerdì 24 aprile presso la Fondazione Adriano Olivetti sarà presentato il volume “La condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia” a cura di Paolo Bonetti, Alessandro Simone e Tommaso Vitale edito dalla Casa Editrice Giuffré nel 2011. Il volume costituisce un’opera unica nel panorama giuridico italiano. Si tratta, infatti, del primo lavoro che esamina in modo completo e aggiornato tutti i diversi aspetti giuridici della condizione delle persone appartenenti alla minoranza dei Rom e dei Sinti in Italia. Alla presentazione prenderà parte il ministro per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione, Andrea Riccardi.
http://www.fondazioneadrianolivetti.it

UN BANDO IN TOSCANA  

Collaborare ai progetti Cospe per promuovere la diversità culturale nei media: è questo il senso del progetto Gioventù in rete contro le discriminazioni, approvato nel nuovo bando del servizio civile Regionale Toscana. La partecipazione è aperta a giovani di età compresa fra i 18 ed i 30 anni , fino a 35 se diversamente abili, residenti o domiciliati in Toscana, in possesso o meno della cittadinanza italiana. I posti disponibili sono 4 e la scadenza per la presentazione delle domande è il 27 aprile. Il testo completo del progetto e i moduli per partecipare sono disponibili al seguente link sul sito del Cospe.
segreteria@cospe-fi.it

SCUOLA  

In ricordo di quell’8 aprile del 1971, quando a Londra si riunì il primo Congresso internazionale del popolo Rom e si costituì la Romani Union, prima organizzazione mondiale dei Rom riconosciuta dall’Onu nel 1979, la Comunità di Sant'Egidio ed il Liceo Scientifico Statale “I. Newton” di Roma hanno organizzato un convegno, articolato in due giornate, la prima il 18 aprile e la seconda il 15 maggio, con interventi di Tullio De Mauro e Massimiliano Monnanni (direttore Unar) per presentare le iniziative del Governo italiano contro le discriminazioni razziali. Il convegno si terrà presso la sede del Liceo “I. Newton” in Viale Manzoni 47, a Roma.
http://www.santegidio.org

MODICA IN MUSICA  

Torna anche quest’anno “Modica Miete Culture, Pensieri, Opere e Contaminazioni sul far dell’estate” (giugno-agosto 2012), il grande contenitore di eventi promosso dal Comune di Modica. Cinque giorni in cui si alterneranno poeti, scrittori, artisti. Tra gli ospiti delle cinque sere di Contaminazioni, grandi esponenti della musica e del teatro d’autore tra cui Moni Ovadia il 14 giugno, con la prima siciliana di Senza confini, Ebrei e zingari, concerto di canti, musiche, storie rom, sinti ed ebraiche.
Info sul sito http://www.modicamieteculture.it


 
  L'ISTISSS ha avuto l'incarico dall'UNAR- Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e Punto di Contatto Nazionale per le strategie di inclusione dei Rom – di realizzare per due anni in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con uno sguardo anche al resto del Paese e all’Europa, un servizio denominato "Strumenti di Informazione, Sensibilizzazione e Formazione per operatori pubblici" (PON "Governance ed Azioni di Sistema", FSE 2007-2013, Obiettivo Convergenza, Asse D "Pari opportunità e non discriminazione", Obiettivo Specifico 4.2 – Azione 6).

 La Rivista di servizio sociale
www.rivistadiserviziosociale.it/

Share This Post

About Author: Istisss

L'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali ISTISSS svolge fin dal 1960, su base associativa multiprofessionale, attività di studio, ricerca, intervento, sperimentazione di servizi e diffusione dei risultati, formazione ed aggiornamento, documentazione, convegnistica nei campi sociale e sanitario, di tempo libero e del turismo sociale. Attività finalizzate alla realizzazione di un quadro compiuto di solidarietà sociale.